Ravenna Salute

Cerca tra tutte le nostre notizie disponibili
Scarica la nostra APP per AndroidScarica la nostra APP per iPhone

4 grammi di potassio per tenere a bada l'ipertensione



Un consumo adeguato di potassio nel corso della giornata aiuta a tenere sotto controllo l'ipertensione. È quanto sostengono i dati della Società Italiana per l'Ipertensione Arteriosa, i cui ricercatori hanno riesaminato tutti gli studi disponibili degli ultimi 50 anni sull'argomento.
Ne è emerso che aggiungere anche solo un grammo e mezzo di potassio rispetto al consumo medio si traduce in una diminuzione delle probabilità di ictus del 22 per cento e del rischio di eventi cardiovascolari del 26 per cento. L'autore dello studio Pasquale Strazzullo dell'Università Federico II di Napoli commenta: “si tratta della dimostrazione scientifica di un effetto protettivo del potassio su uno dei maggiori rischi correlati all'ipertensione, ovvero la maggior probabilità di ictus e infarto. Ed è la conferma 'sul campo' delle capacità antipertensive del potassio”.
Mentre il sodio aumenta la pressione perché richiama liquidi nel circolo sanguigno affaticando il cuore, il potassio ne favorisce il riassorbimento migliorando la funzionalità cardiovascolare generale: “il meccanismo protettivo del potassio va anche oltre il 'bilanciamento' del sodio. Il potassio infatti migliora la funzionalità dell'endotelio, il tessuto che riveste l'interno dei vasi sanguigni e produce sostanze vasodilatatrici, importanti per mantenere la pressione bassa; inoltre sembra avere anche un effetto antiossidante diretto. Tutti e tre questi motivi spiegano perché il potassio, riducendo la pressione e proteggendo le arterie, possa diminuire anche il rischio di ictus. La dose giornaliera raccomandata è pari a circa 4 grammi. Introdurne molto di più è difficile visto che si trova soprattutto in frutta, verdura e legumi e si sa quanto è arduo convincere la gente a mangiarne in quantità. Per essere certi di avere abbastanza potassio basterebbe consumare davvero ogni giorno le famose cinque porzioni di frutta e verdura, ma quanti lo fanno realmente?”.
Qualcuno potrebbe essere tentato di assumere integratori per evitare il consumo di alimenti che non piacciono, ma precisa Strazzullo: “integratori che contengono potassio esistono, ma sinceramente mi pare azzardato consigliarli a chiunque per prevenire l'ipertensione. In qualche paziente iperteso che fa fatica a mettere in pratica una corretta alimentazione possono anche essere utili, così come i sali speciali impoveriti di sodio e arricchiti in potassio; ma nella popolazione generale la raccomandazione non sarebbe supportata da prove di efficacia”.


Fonte:

 

Come fare per...Notizie Utili