Ravenna Salute

Cerca tra tutte le nostre notizie disponibili
Scarica la nostra APP per AndroidScarica la nostra APP per iPhone

L’amaro a fine pasto? Non fa digerire



Meglio stare lontano dal liquore alle erbe, se sei a dieta: è alcolico, calorico, contiene zuccheri… Insomma: fa ingrassare
Per molti è un’abitudine imprescindibile. Ma sull’amaro, il liquore più o meno alcolico a base di erbe che si prende di solito dopo un pranzo o una cena abbondanti con la scusa che “fa digerire”, circolano tanti luoghi comuni...
L’amaro non fa digerire
Cominciamo con una sorpresa. Al contrario di quanto si pensi comunemente, l’idea che l’amaro aiuti la digestione è soltanto un’illusione. Tutto nasce dalla sensazione di leggero bruciore che si avverte nello stomaco. Il gusto amaro delle erbe, infatti, stimola le papille gustative e aumenta la secrezione di saliva e di succhi gastrici, ma allo stesso tempo l’alta gradazione alcolica (la maggior parte degli amari si aggira intorno ai 30-35°) irrita le pareti dello stomaco e può rallentarne lo svuotamento. Una bevanda a bassa gradazione alcolica (10-14°), come il vino, può invece favorire la digestione perché l’alcol, a piccole dosi, stimola la secrezione gastrica. E’ il motivo per cui l’unico amaro che “funziona” davvero, stimolando il processo della digestione, è quello a base di rabarbaro: la sua gradazione alcolica è molto bassa (12,5°).
Va sempre bevuto dopo i pasti
A stomaco vuoto l’alcol è ancora più dannoso per l’organismo perché la mucosa gastrica non è protetta dal cibo ed è dunque più vulnerabile. Ecco perché il miglior momento per bere l’amaro è al termine del pasto più abbondante della giornata.
Sì, l’amaro fa ingrassare
Un bicchiere di amaro da 30 ml contiene 55 calorie (5 arrivano dagli zuccheri, introdotti per “correggere” il gusto amaro delle erbe, le altre 50 dall’alcol). Chi ha problemi di linea, dunque, farebbe meglio a evitare gli amari, come del resto tutte le bevande alcoliche (ricche di calorie, anche se non contengono zuccheri).
Meglio prenderlo con il ghiaccio
Far sciogliere il ghiaccio significa “allungare” l’amaro con l’acqua e, dunque, abbassare la gradazione alcolica. L’aspetto negativo è che si perde, in parte, il gusto dato dalle erbe.
Il gusto dipende dalle erbe
Il gusto dell'amaro dipende soprattutto dalle erbe: le più comuni sono l’arancio amaro, il luppolo, l’angelica, la china, la noce vomica, la radice di genziana, il mirto sardo...


Fonte:


I commenti dei lettori
 
Gli autori dei commenti, e non Ravenna Salute, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti
 

Pagina    


Commento #1 di: Elena Naturopata

certo l'alcool appesantisce il fegato il doppio.....
e del caffè fine pasto allora ne vogliamo parlare???
 
 
Commento #2 di: Nicola Parma

bevevo 5 caffe al giorno....da 3 mesi da quando ho cambiato le mie abitudini alimentari nn ne ho bisogno,preferisco un integratore multivitaminico a un caffe'..o un guarana quando proprio ne ho bisogno ma di rado....mi basta partire la mattina con la mia colazione equilibrata a base di proteine-carboidrati-vitamine tt nel formula 1 e in 3 mesi ho perso 10 kg senza saltare un pasto!
 
 
Commento #3 di: Andrea Nicola Scudellari

w il lucano a litri.....
 

Come fare per...Notizie Utili